CHIAMACI
051/261036
Dove vuoi andare?
RICERCA VIAGGIO

UN'ALTRA ETIOPIA: DANCALIA & TIGRAI

Partenza
dal 17/01/2020
al 30/01/2020
2920.00 €
Dettaglio quota +
MINIMO 11  Partecipanti€ 2.920,00
TASSE AEROPORTUALI soggette a riconferma € 250,00
SUPPLEMENTO SINGOLA€ 160.00

*Il gruppo potrà essere formato al massimo da 15 partecipanti
 
LA QUOTA COMPRENDE: *Volo Ethiopian Roma/Addis Abeba/Milano Malpensa, in classe economica; *Volo interno Makalle/Addis Abeba; *Sistemazione in alberghi il 18+19+20 Gennaio e nel Tigrai, in camere doppie con servizi privati; *Le altri notti saranno in campo tendato mobile; *Trattamento di pensione completa come descritto sul programma; *acqua ai pasti; *Staff di servizio per il montaggio dei campi tendati e cuoco; *Materiale da campeggio; * guide/scorta Afar; *Trasferimenti in fuoristrada 4X4 per tutta la durata del viaggio; *Assistenza di guida parlante italiano per tutta la durata del viaggio; *Ingressi alle chiese nel Tigrai; *Assistenza dell’agenzia per tutta la durata del viaggio; *Spese di gestione pratica, incluso assicurazione sanitaria e contro annullamento obbligatorie e non rimborsabili ( €70.00); *trasferimento in pullman riservato da Malpensa a Bologna;
 
LA QUOTA NON COMPRENDE: *Tasse aeroportuali; *Biglietto del Treno Bologna-Fiumicino in andata; *bevande alcoliche ai pasti; *Dromedari per la salita all’Erta Ale; *Mance ed extra di natura personale e tutto ciò che non è compreso alla voce “la quota comprende”
 
PRE ISCRIZIONI CON PAGAMENTO DI € 100.00 ENTRO IL 1 MAGGIO 2019 PER BLOCCARE I VOLI
ACCONTO DI € 1000.00 ENTRO IL 10 SETTEMBRE. SALDO ENTRO IL 10 DICEMBRE 2019
 
 
OCCORRE PASSAPORTO CON VALIDITA’ RESIDUA DI 6 MESI DALLA DATA DEL RIENTRO. IL VISTO DI INGRESSO SI OTTERRA’ IN ARRIVO ALL’AEROPORTO DI ADDIS ABEBA COMPILANDO I FORMULARI E DIETRO IL PAGAMENTO DI € 50.00 O USD 50.00
 
 
STAMPA
SCARICA PDF
PROGRAMMA VIAGGIO
Viaggio avventura in DANCALIA con i suoi paesaggi estremi e meravigliosi e alla scoperta dei gioielli nascosti del TIGRAI
17 Gennaio, venerdì: BOLOGNA - ROMA - ADDIS ABEBA
In tempo utile trasferimento all’aeroporto di Fiumicino in treno (costo del biglietto da quantificare e non incluso nel pacchetto). All’arrivo operazioni di imbarco e partenza con volo Ethiopian per Addis Abeba delle ore 23.00. Cena e pernottamento a bordo.
18 Gennaio, sabato: ADDIS ABEBA
Arrivo intorno alle ore 6.45, operazioni di dogana, incontro con la guida locale e partenza per Addis Abeba, la capitale etiope, fondata nel 1886 da Menelik II e situata a 2500 metri sul livello del mare quasi nel centro geografico del paese. Breve panoramica della città, il cui nome in lingua aramaica significa “nuove fiore”. Visita del Museo Nazionale, che ospita “Lucy”, il famoso ominide fossilizzato trovato nel 1974 e molti altri reperti soprattutto appartenenti alla cultura axumita. Pranzo in ristorante e proseguimento delle visite. Nel pomeriggio sistemazione in albergo per cena e pernottamento.
19 gennaio, domenica: ADDIS ABEBA - SEMBETE - KOMBOLCHA
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di viaggio. Sistemazione nei mezzi fuoristrada per iniziare l’avventura verso la Dancalia. Partenza in direzione nord-est con meta Sembete. Sosta per la visita all’interessante mercato domenicale, dove convergono diverse etnie, tra cui gli Oromo, gli Afar e gli Amhara, che qui si incontrano per barattare o vendere qualsiasi tipo di merce. Quindi proseguimento del viaggio entrando nella regione di Wollo, di cui era originario l’ultimo negus etiope Haile Salassie. Questa zona è popolata dalle etnie Ahmara e Oromo. Arrivo in serata a Kombolcha, sistemazione in albergo per cena e pernottamento.
20 Gennaio, lunedì: KOMBOLCHA - BATI - SAMERA
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di viaggio. Si inizia a percorrere la strada che inizia la discesa verso la Rift Valley e più precisamente verso la depressione della Dancalia. Arrivo a Bati, dove il lunedì viene allestito un grande mercato, che occupa un’intera collina ed è il secondo d’Etiopia, punto di incontro delle genti Afar e Oromo. Gli Afar sono pastori nomadi, allevatori di dromedari e capre, nonché commercianti del sale che estraggono nella piana della Dancalia. Questa etnia è la vera padrona della Dancalia. Arrivo in serata a Samera. Sistemazione in albergo per cena e pernottamento.
21 Gennaio, martedì: SAMERA - ASAYATA - LAGO AFRERA
Pensione completa. Partenza Asayata, antica residenza del sultano Afar di Aussa. dopo una lenta decadenza, questa piccola città-paese sta conoscendo una rinascita grazie alla coltivazione della canna da zucchero. Bella visita panoramica della località, che si affaccia sulla fertile piana del fiume Awash, dove si può ammirare un’antica moschea. Il viaggio prosegue verso il Lago Afrera, che si trova a 112 metri sotto il livello del mare, nel cuore della depressione dancala. Il deserto della Dancalia si trova nel punto di incontro tra le tre spaccature tettoniche del Mar Rosso, dell’Oceano indiano e della grande Rift Valley. Arrivo al lago Afrera in serata. Sistemazione nel campo tendato mobile: pernottamento.
22 Gennaio, mercoledì: LAGO AFRERA - CAMPO BASE VULCANO ERTA ALE
Pensione completa. Giornata dedicata alla zona del Lago Afrera, conosciuto anche con il nome di Lago Giulietta, è un lago salato. Lungo le sue sponde viene pompata l’acqua all’interno delle saline e poi lasciata evaporare. Quello che ne deriva è il sale bianco, il migliore estratto in Dancalia. Milioni di anni fa tutta la depressione dancala era un mare che nel tempo è evaporato, lasciando quindi grandi depositi salini. Dopo aver visitato l’area delle saline, si lascerà Afrera attraverso una pista che si snoda tra la sabbia e la lava in direzione del Vulcano Erta Ale, “il monte che fuma”, ultimo di una catena di vulcani che occupano la parte centrale della depressione dancala. Durante il tragitto si incontreranno piccoli villaggi Afar fino ad arrivare al campo base da dove iniziano i trekking sul vulcano. Sistemazione in campo tendato mobile e pernottamento.
23 Gennaio, giovedì: escursione sul VULCANO ERTA ALE
Pensione completa. Prima dell’alba si inizia la salita verso la cima. La camminata dura mediamente dalle tre alle quattro ore, con un dislivello che non supera i 500 metri. Muniti di torce e bottigliette d’acqua si sale verso la sommità attraversando un paesaggio dalla bellezza aspra e desolata. Arrivati alla sommità si potrà scendere all’interno della caldera per ammirare i due crateri e nel pomeriggio si percorrerà la grande caldera. Durante l’escursione ci sarà la possibilità di riposare in capanne. Nel tardo pomeriggio discesa per raggiungere il campo tendato. Pernottamento.
24 Gennaio, venerdì: CAMPO BASE VULCANO ERTA ALE - AHMED ELA - ASSOBOLE
Pensione completa. Partenza verso nord in direzione della piana del sale. La pista passa per una pianura alluvionale alla cui destra si trova la catena di vulcani di cui l’Erta Ale è quello più meridionale, che nella stagione delle piogge si allaga lasciando dei pascoli verdi. E’ un deserto duro e inospitale dove l’unica presenza umana è data dalla tenacia che contraddistingue il popolo Afar. Arrivo in serata presso il villaggio di Assabole, piccolo villaggio alla fine del fiume Saba e porta di accesso al canyon il cui greto è l’unica strada percorribile dalle carovane che trasportano il sale fino all’altopiano, dove verrà montato il campo tendato. Pernottamento.
25 Gennaio, sabato: escursione a DALLOL
Pensione completa. Quasi all’estremità nord della depressione dancala la piana del sale si estende fino al confine con l’Eritrea. Le carovane di dromedari e muli arrivano ogni giorno dall’altopiano etiopico per tornare la sera con cariche di lastre di sale. E’ un lavoro duro, ai limiti della sopportazione umana, ma per molti è l’unica fonte di guadagno. Prima dell’alba i cammellieri insieme con i tagliatori mettono in fila gli animali e iniziano il lento cammino lungo anche 20/25 chilometri per raggiungere la zona dell’estrazione. Il lavoro dura tutta la giornata e quando il sole inizia a tramontare si vedono le ombre del cordone umano che inizia a rientrare al villaggio di Ahmed, per lasciare il frutto del duro lavoro e proseguire il cammino verso l’altipiano. Parte della mattinata sarà dedicata all’osservazione del lavoro dei tagliatori prima di proseguire per la collina di Dallol, “la collina degli spiriti” che in realtà è un vulcano completamente costituito di sale che si eleva per circa 50 metri sopra la crosta della piana ed ha avuto origine in seguito all’esplosione di una camera magmatica nella profondità della terra. Tutta la zona è interessata da fenomeni di vulcanesimo secondario con gayser e pozze multicolori che variano continuamente a seconda delle piogge. Qui si potranno ammirare “le colonne o camini di Dallol” e “i giardini di fiori di sale”, bizzarre formazioni di minerali cristallizzati lavorati dall’acqua. L’esplorazione della zona porterà fino al lago nero e all’Assa Ale, un monte formato da sali di magnesio. Questo è il punto più profondo della depressione della Dancalia etiopica, 120 metri sotto il livello del mare. Si passerà accanto al Lago Karoum, il lago mobile che si sposta con il vento, rientro al campo montato presso il villaggio di Assabole. Pernottamento.
26 Gennaio, domenica: ASSOBOLE - GHERALTA LODGE
Pensione completa. Prima dell’alba le carovane iniziano nuovamente il cammino risalendo il canyon per raggiungere l’altopiano. Partenza per un trekking lento e facile nel canyon del fiume Saba (due ore). Il livello del fiume è molto basso in questa stagione, l’acqua arriva al massimo alle caviglie e i piccoli guadi saranno una piacevole alternativa all’assolato terreno di pietrisco. Una bellissima esperienza che, oltre a regalare scorci e panorami inconsueti riserverà la sorpresa di incontrare piccole carovane lungo il cammino. Al termine proseguimento con i fuori strada fino all’altopiano. Sistemazione presso il Geralta Lodge. Pernottamento.
27 Gennaio, lunedì: escursione nella zona di AMBA GHERALTA / TIGRAI
Pensione completa. Giornata dedicata alla visita dell’amba Gheralta e di alcune sue chiese rupestri, un magnifico museo a cielo aperto immerso in un paesaggio desertico dall’aspetto fiabesco. Sono 120 le chiese e i monasteri rupestri risalenti al XV e XVI secolo nascosti fra pareti rocciose e montagne. Si tratta di strutture semi-monolitiche, normalmente costruite utilizzando grotte preesistenti. Al loro interno ci sono affreschi, colonne con bellissimi capitelli, soffitti e cupole riccamente decorati, oltre a tesori di  arte ecclesiastica di inestimabile valore. La bellezza degli affreschi, in uno stile che si potrebbe definire naif, colpisce per i colori accesi e l’accuratezza dei dettagli. Inserite in un contesto naturalistico di estremo interesse e pregio, la maggior parte di queste chiese si raggiunge a piedi con un tragitto che può durare al massimo un paio d’ore, piacevoli passeggiate che renderanno indimenticabile la permanenza a Gheralta. La visita delle chiese si deciderà in loco, ma sicuramente si potranno visitare la chiesa di San Giorgio Maikeddo (raggiungibile con 15 minuti di camminata) e Debre Tsion, raggiungibile con una passeggiata di 45 minuti.  Pernottamento.
28 Gennaio, martedì: escursione nella zona di AMBA BIANCA/ TIGRAI
Prima colazione in albergo e pranzo a pic-nic in corso di visite. Giornata dedicata alla visita dell’Amba Bianca con le sue chiese di Petros e Paulos e di Medane Alem Adi Kesho.
29 Gennaio, mercoledì: GHERALTA - HAWSIEN - MAKKALE - ADDIS ABEBA
Prima colazione in albergo e partenza per il caratteristico mercato di Hawsien, che si tiene ogni mercoledì. Rientro al lodge per il pranzo. Nel pomeriggio sulla via per raggiungere Makkale sosta alla chiesa di Abraha Atsebha. Arrivo all’aeroporto in tempo utile per le operazioni di imbarco e partenza con volo di linea per Addis Abeba delle ore 19.50 con arrivo previsto alle ore 21.10.
30 Gennaio, giovedì: ADDIS ABEBA - MILANO/MALPENSA - BOLOGNA
Cambio aeromobile e partenza per Milano/Malpensa con volo delle ore 00.50. Cena e pernottamento a bordo. Arrivo alle ore 6.55 e immediato trasferimento in pullman riservato a Bologna.
VEDI DETTAGLIO COMPLETO
RICHIEDI INFORMAZIONI