CHIAMACI
051/261036
Dove vuoi andare?
RICERCA VIAGGIO

MYANMAR - "Questa è la Birmania e nessun altro Paese gli è simile"

Partenza
dal 28/01/2020
al 10/02/2020
3360.00 €
Dettaglio quota +
MINIMO 18  Partecipanti€ 3.350,00
TASSE AEROPORTUALI € 90,00
SUPPLEMENTO SINGOLA€ 510,00
 
LA QUOTA COMPRENDE:
Trasferimento da Bologna a Malpensa e viceversa; Voli internazionali con Qatar Airlines da e per Milano/Malpensa via Doha, come da programma; Sistemazione in alberghi 3/4 stelle, in camere doppie con servizi privati; Trattamento di pensione completa durante il tour; Trasferimenti, visite ed escursioni come da programma con guida locale parlante italiano; Ingressi ai monumenti previsti dal programma; Visto d’ingresso; Accompagnatrice; Spese di gestione pratica comprensive di assicurazione sanitaria e contro annullamento, obbligatorie e non rimborsabili (€ 100,00).
LA QUOTA NON COMPRENDE:
Tasse aeroportuali; Bevande e pasti non menzionati; Mance (quantificabili in circa € 60,00 per persona); Eventuali ingressi non previsti dal programma e le tasse per riprese e fotografie; Tutto quanto non espressamente indicato nella voce la quota comprende.
 
DOCUMENTI
PASSAPORTO individuale con almeno sei mesi di validità dalla data di ritorno del viaggio e con almeno due pagine libere + VISTO per ottenere il quale occorre: passaporto in originale+2 foto-tessera su sfondo bianco cm3x4+due moduli che forniremo e andranno compilati+fotocopia della carta d’identità.
 
VOLI PREVISTI
QR124  28JAN  MILANO MXP - DOHA  0940 1730                 
QR918  28JAN  DOHA – YANGON        2015 0545 del giorno dopo
QR919  10FEB  YANGON – DOHA       0720 1115                       
QR117  10FEB  DOHA MILANO MXP    1540 2030                      
 
NOTE
Quota calcolata sul cambio €1,00=1,10 USD.  Eventuale oscillazione del cambio tra Euro e Dollaro Americano comporterà aumento proporzionale dalla quota.  
ISCRIZIONI CON ACCONTO DI € 500,00    ENTRO IL  25 AGOSTO
SECONDO ACCONTO DI € 1.400,00 ENTRO IL 15 OTTOBRE
SALDO ENTRO IL 15 DICEMBRE
STAMPA
SCARICA PDF
PROGRAMMA VIAGGIO
“Questa è la Birmania e nessun altro Paese gli è simile”
R.Kipling
 
 Il paese delle Pagode d’oro, dei fasti del passato,
della profonda spiritualità degli stupa,
di un popolo semplice e gentile.
Un mondo diverso, dai paesaggi incantevoli e dalla magica atmosfera
28 Gennaio, Martedì - in viaggio verso la Birmania.
Di buon mattino ritrovo dei partecipanti a Bologna, autostazione Pensilina 25. Sistemazione in pullman e trasferimento all’aeroporto di Milano/Malpensa. All’arrivo operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea Qatar per Yangon -via Doha- Pernottamento a bordo.
29 Gennaio, Mercoledì - YANGON
Arrivo all’aeroporto internazionale di Yangon alle ore 05.45. Dopo le formalità per l’ingresso, trasferimento in pullman in hotel per un momento di riposo. In tarda mattinata brunch/colazione e incontro con la guida. Inizio delle visite con una panoramica che comprenderà: la Pagoda Shwedagon, vero cuore spirituale del Paese, è la più venerata perché, come dice il nome con cui spesso è citata "La pagoda dei sacri capelli vivi", contiene otto capelli donati dal Buddha durante la sua vita terrena; il grande Buddha sdraiato alla Pagoda di Chaukhtatgyi, lungo 70 metri.
Cena e pernottamento in hotel.
30 Gennaio, Giovedì - YANGON/LOIKAW
Trasferimento in aeroporto e partenza per Loikaw con volo di linea. All’arrivo e inizio delle visite. Sosta presso un mercato locale.  Pranzo. Visita della Pagoda Taungwe Zedi costruita sulla sommità di una collina e dalla quale si potrà vedere al tramonto, il paesaggio circostante. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.
31 Gennaio, Venerdì- LOIKAW / PEKON/ LAGO INLE
Trasferimento a Pekon.  Imbarco e inizio di una navigazione per circa 2 ore fino a raggiungere Sagar.
 
Il Lago Inle, bellissimo per il suo paesaggio e unico con i suoi percorsi. Si trova a circa 900 metri sul livello del mare ed è un’oasi circondata dall’altopiano meridionale dello Shan. E’ uno specchio d’acqua poco profondo, di una ventina di chilometri di lunghezza e una decina nel suo punto più largo. E’ limpido, e di particolare suggestione a causa di diversi fattori ambientali, fra cui la soavità dei panorami. In questo luogo eccezionale gli 80.000 abitanti dell’etnia degli Intha che vuol dire “Figli dell’Acqua”, vivono, lavorano, studiano, pregano il tutto sull’acqua!
 
Proseguimento per il villaggio di Thaya Gone, dove vivono i Pa-Oh, Shan, Inthar; il villaggio è noto per la sua produzione di vino di riso: interessante osservare il processo di distillazione e assaggiare la birra locale. Un'altra sosta sarà effettuata nel villaggio di Sae Khaung noto per le sue ceramiche, fabbricate dai locali utilizzando i forni sotterranei naturali. Pranzo. Sulle rive occidentali del territorio di Sagar si trova Tar Kaung, dove ci sono più di 200 stupa, molto affascinante. Sistemazione in hotel nel zona del Lago Inle. Cena e pernottamento.
1 Febbraio, Sabato - LE COLLINE DI INTHEIN E LE TRIBU? INTHA SUL LAGO INLE
In mattinata partenza in motolancia per la visita delle splendide colline di Inthein, affacciate su un braccio secondario del lago. Qui si trovano più di mille pagode risalenti al XIII secolo che circondano l’antico monastero. Con una passeggiata di circa 20 minuti si raggiunge la parte archeologica fra numerose guglie, circondati da un paesaggio surreale. Proseguimento in motolance fra canali rurali, attraversando zone con alti bambù. Sulle acque del lago, gli Intha vivono in case su palafitte esercitando la loro attività di coltivazione su orti galleggianti e di pesca con nasse (trappole coniche) e reti stando in piedi sulle fragili imbarcazioni e remando con una gamba in modo davvero singolare. Lo scenario è molto pittoresco tra pescatori, orti e giardini galleggianti, i villaggi sulla sponda e il monastero detto “dei gatti che saltano” …. Pranzo in corso d’escursione. Rientro al tramonto.
Cena e pernottamento in hotel.
2 Febbraio, Domenica - LE GROTTE DI PINDAYA e verso KALAW
Lo stato Shan il più vasto del Myanmar, si estende per 500 km da Mandalay fino ai confini con Laos e Cina. Rinomata per il suo clima mite, l'intera regione è coltivata a frutta e verdura ed è da qui che proviene la maggior parte del tek, il prezioso legname di cui il Myanmar è il principale esportatore mondiale.
 
 
Mattinata di trasferimento in pullman fra bei paesaggi e attraversando vari villaggi rurali. Pranzo. Arrivo a Pindaya, le famose grotte con più di 8000 statue di Buddha (sito Unesco). E’ davvero impressionante camminare tra le stalattiti e stalagmiti osservati dai grandi occhi sereni di migliaia di statue di Buddha, sedute o in piedi. Trasferimento a Kalaw. Cena e pernottamento.
3 Febbraio, Lunedì - KALAW/MANDALAY
Giornata itinerante, di trasferimento verso Mandalay. Pranzo lungo il percorso. Il viaggio attraverserà la parte centrale, la zona agricola del paese, e sarà allietato dai rilassanti panorami, passando dalle verdeggianti colline Shan alle aride piane. Arrivo a Mandalay nel tardo pomeriggio.
Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.
4 Febbraio, Martedì- AMARAPURA, IL PONTE DI TEK E LE COLLINE DI SAGAING
Visita di Amarapura, antica capitale sulla costa orientale del fiume Irrawaddy a pochi km da Mandalay. Qui si trova il più grande monastero del Paese, il Mahagandhayon che ospita centinaia di monaci.
 
L'ultima capitale del regno birmano, prima dell'occupazione britannica, Mandalay è oggi la seconda città del Paese. Fu re Mindon, dopo aver ispezionato l'intera area insieme a monaci e astrologi di corte per trovare il luogo più favorevole alle fortune del regno, a iniziarne la costruzione nel 1857. Fondazione peraltro profetizzata da Buddha Gautama come testimonia anche una statua sulla sommità della mandalay Hill. La città, divenne presto così importante che tutti i re successivi vi fecero costruire numerosi templi ora sparsi dappertutto.
 
Nei dintorni, le acque poco profonde di un lago, sono attraversate da un vecchio ponte pedonale tutto in legno di tek chiamato U-Bein, lungo 2 km è ancora oggi è il ponte in tek più lungo del mondo e resiste sulle sue 1086 colonne nonostante i danni derivati da due gravi inondazioni avvenute nel 1946 e nel 1973. Pranzo in corso d’escursione. Nel pomeriggio sosta a Sagaing, dove vivono le monache col capo rasato e dall’abito monastico di un delicato rosa; la località è rinomata per l’artigianato dell'argento. Visita di Ava utilizzando calessi locali, percorrendo le suggestive stradine sterrate verso l’antico monastero.Cena in ristorante. Pernottamento in hotel a Mandalay.
 
 
5 Febbario, Mercoledì - MANDALAY/MINGUN/MANDALAY
Partenza con battello locale per Mingun, antica città reale a soli 11 km da Mandalay, sulla sponda opposta del fiume. Si osservano bei panorami e scene della vita fluviale. Visita alla zona archeologica di Mingun che include l’immensa pagoda incompiuta, ormai un cumulo di mattoni simile ad una montagna. Quindi visita alla bianca pagoda Myatheindan con 8 terrazze concentriche, fatta costruire nel 1816 dal Re Bagyidaw in memoria di una delle sue mogli più amate. Pranzo. Rientro a Mandalay. Nel pomeriggio proseguimento delle visite a Mandalay: il monastero Shwenandaw; la pagoda Mahamuni con la grande statua bronzea ricoperta d'oro del Buddha e tempo per lo shopping al mercatino sottostante, ricco d’artigianato locale. Cena in ristorante.
Pernottamento in hotel.
6 Febbario, Giovedì - MANDALAY e in navigazione verso BAGAN
Trasferimento al molo e imbarco sulla nave veloce direzione Bagan, il percorso impiega tutto il giorno, con arrivo nel pomeriggio. Pranzo a bordo.
Trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.
7 Febbraio, Venerdì - LA MISTICA BAGAN
Visita di Bagan la località più affascinante della Birmania, una delle meraviglie del mondo, inserita nel patrimonio mondiale dall'Unesco.
 
Questa stupefacente zona archeologica, che copre una superficie di 40 kmq lungo un'ansa dell'Ayeyarwady, è una delle più ricche dell'Asia. Capitale dell'impero birmano per oltre due secoli, fu fondata nel 1044 da re Anawrahta, artefice dell'unificazione politica e culturale del Paese. Fu però solo dopo la conquista del regno Mon, nel 1057, che Bagan raggiunse l'apice del suo splendore. Anawrahta riportò da Thaton non solo le sacre scritture Theravada, ma anche il re deposto Manuha con tutta la sua corte di architetti, artisti e artigiani. Questo diede inizio a una spinta religiosa e creativa che portò alla costruzione di migliaia di templi. Dell’antico splendore oggi restano solo gli edifici in pietra. I monumenti di Bagan si possono raggruppare in due categorie: templi e pagode.
 
Visita della zona archeologica e alle pagode più importanti e scenografiche, come la splendida Shwezigon pagoda, il cui stupa è diventato il prototipo per tutte le altre pagode in Birmania, il tempio in stile indiano Gubyaukgyi, costruito nel 1113, adorno internamente di affreschi raffiguranti la storia di Buddha. Un altro dei templi più suggestivi che si visiterà è Ananda risalente al 1100, voluto dal re Kyanzittha, figlio di Anwaratha. Costruito con bianche guglie a voler simboleggiare le cime innevate delle montagne Himalayane, ospita all’interno 4 statue di Buddha in piedi, alte 9 metri. Sosta presso il particolare tempio Manuha: secondo la leggenda questa pagoda venne costruita nel 1059 da Manuha, il re Mon fatto prigioniero da Anawratha dopo la conquista di Thaton, per rappresentare la sua insofferenza alla reclusione. Sosta presso il colorato mercato tipico Nyaung-oo. Pranzo in corso d’escursione. Nel pomeriggio completamento delle visite di Bagan e sosta presso un laboratorio di lacca, ossia il prodotto artigianale tipico di Bagan. Indimenticabile la luce del tramonto!
Cena. Pernottamento in hotel.
8 Febbraio, Sabato - BAGAN/YANGON e verso la ROCCIA D? ORO
Trasferimento all’aeroporto e partenza con il volo per Yangon. Proseguimento in pullman per Kyaikthyio. Breve sosta presso l’antica capitale Bago. Lungo la strada scene dell'entroterra agricolo. Pranzo lungo il percorso.  Nel pomeriggio si prosegue a bordo di fuoristrada/camion in salita verso la Roccia D’Oro. Inizio dell’escursione fino alla “Golden Rock” un enorme masso che, secondo la leggenda, si mantiene in equilibrio sull’orlo di un dirupo grazie ad un capello del Buddha, posto in un punto ben preciso.
Sistemazione in hotel nella zona. Cena e pernottamento.
 
 
9 Febbraio, Domenica - KYAIKTHYIO/YANGON
Partenza per il viaggio di ritorno a Yangon. Pranzo in ristorante locale. All’arrivo sosta alla pagoda Kyaik Pun, con i 4 buddha giganti coloratissimi, seduti schiena a schiena.
Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.
10 febbraio, Lunedì - il viaggio di ritorno
Di buon mattino trasferimento in aeroporto. Partenza per Milano Malpensa alle 07.20 via Doha. All’arrivo previsto, per le 20.30, trasferimento in pullman a Bologna.
VEDI DETTAGLIO COMPLETO
RICHIEDI INFORMAZIONI