CHIAMACI
051/261036
Dove vuoi andare?
RICERCA VIAGGIO

TUNISIA - Fra dune, oasi di montagna e resti archeologici

Partenza
dal 27/12/2019
al 04/01/2020
1180.00 €
Dettaglio quota +
Quota individuale di partecipazione minimo 15  Partecipanti€ 1180,00
TASSE AEROPORTUALI  (importo soggetto a riconferma)  € 190,00
SUPPLEMENTI SINGOLA  €  200,00
 
LA QUOTA COMPRENDE:
  • Volo di linea Alitalia: Bologna – Roma – Tunisi e ritorno, in classe economica;
  • Franchigia bagaglio in stiva di 20 kg;
  • Pullman “G.T.“  a disposizione per tutto il tour;
  • Sistemazione in alberghi di 3 stelle a Tataouine e 4 o 5 stelle nelle altre località, in camere doppie con bagno;
  • Trattamento di pensione completa dal pranzo del primo giorno a quello dell’ultimo;
  • Acqua minerale ai pasti
  • Visite ed escursioni con guida parlante italiano;
  • Escursione in calesse nell’oasi di Touzer
  • Escursione in fuori strada alle oasi di montagna e da Dous a Ksar Ghuilame
  • Ingressi previsti dal programma incluso il museo del Bardo
  • CENONE DI CAPODANNO
  • Assistenza Petroniana per tutto il viaggio
  • Spese di gestione pratica, incluso assicurazione sanitaria e contro annullamento, obbligatorie e non rimborsabili (€ 35.00)
  • Materiale di cortesia 
    LA QUOTA NON COMPRENDE:  *Tasse aeroportuali: *Bevande ai pasti: *Mance circa € 30.00/40.00 a persona; *; *Extra di natura personale, *Tutto ciò che non è compreso alla voce la “quota comprende”
     
     
    ISCRIZIONE CON PAGAMENTO DI UN ACCONTO DI € 400.00 ENTRO IL  10 OTTOBRE 19
     SALDO entro il 20 NOVEMBRE 19
STAMPA
SCARICA PDF
PROGRAMMA VIAGGIO
27 Dicembre, venerdì: BOLOGNA - ROMA - TUNISI - CARTAGINE - SIDI BOU SAID - TUNISI
Di buon mattino ritrovo all’aeroporto di Bologna. Operazioni di imbarco e partenza per Tunisi con volo Alitalia delle ore 6.30 con scalo a Roma. Ore 10.25 arrivo a Tunisi, incontro con la guida, sistemazione in pullman e partenza per Cartagine, importantissima città del Nord Africa, dove studiò anche S. Agostino. Visita delle antiche rovine: l’anfiteatro, l’acropoli punica di Byrsa ove, insieme a testimonianze di antiche strutture puniche e romane è il locale Museo archeologico. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio sosta a Sidi Bou Said, grazioso e pittoresco villaggio situato su un dirupo affacciato sul Mediterraneo, caratterizzato da abitazioni dipinte di bianco, sulle quali risaltano i portoni azzurri e i colori dei fiori e delle piante che lo circondano. Al termine delle visite sistemazione in albergo a Tunisi. Cena e pernottamento in albergo.
28 Dicembre, sabato: TUNISI - MONASTIR - SOUSSE
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di visite. Partenza per Sousse bella città di mare chiamata la “perla del Sahel“,  patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. La sua medina spicca con la massa bianca di casette cubiche, isolate e protette da un bastione merlato, sulle quali sembra vegliare dal punto più elevato la massa ocra delle fortificazioni della kasba. Visita al suo centro storico con  la Grande Moschea, ripristinata nelle forme dell’XI secolo, che sembra più una fortezza che un luogo di culto per le pareti di pietra merlate serrate da massicce torri angolari, il Ribat, uno dei più importanti monumenti dell’Islam maghrebino, la Kasba, che sorge all’esterno della medina e deve il suo aspetto ad una serie di interventi costruttivi effettuati tra l’XI e il XIV secolo e il Museo Archeologico, che comprende una ricca documentazione della storia e dell’arte antica di questa parte della Tunisia. Nel pomeriggio passeggiata a Monastir, centro di antica e nobile origine che ha saputo sfruttare i vantaggi della sua posizione geografica, del clima mite e della bellezza del litorale. Visita al Ribat, che si trova all’interno della kasba e domina il centro dell’abitato: una fortezza dentro la fortezza, come scrisse nell’XI secolo il geografo arabo el-Bekri. Rientro a Sousse, sistemazione in albergo: cena e pernottamento.
29 Dicembre, domenica: SOUSSE - EL JEM - GABES - TATAOUINE
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di viste. Di buon mattino partenza verso sud e sosta a El Jem per ammirare l’anfiteatro dell’antica città romana di Thysdrus, costruito circa 200 anni dopo Cristo, il terzo per grandezza del mondo romano e il più grande d’Africa, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Al termine della visita proseguimento per Tataouine con soste a Gabes, città che si è sviluppata grazie alla presenza di svariate oasi, sviluppatesi per la presenza di numerose sorgenti d’acqua e a Matmata, una piccola città berbera immersa in un paesaggio arido, prevalentemente roccioso, con crateri e crepacci, con un clima torrido quasi insopportabile che ha costretto i suoi abitanti a scavare le proprie abitazioni sottoterra, collegate le une alle altre da un intricato sistema di gallerie. Dopo aver visitato qualche abitazione ripresa del viaggio per raggiungere in serata Tataouine, abitato dominato da un forte della legione straniera e sede di importante mercato delle tribù della zona. Sistemazione in albergo per cena e pernottamento.   
30 Dicembre, lunedì: TATAOUINE - KSAR OULED SOLTANE - DOURET - KSAR GUILANE
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di visite. Giornata dedicata alle seguenti visite: Ksar Ouled Soltane, villaggio parzialmente abitato e fuori dai soliti circuiti turistici, che conserva alcuni bei ghorfa del sud tunisino. Questi granai fortificati che si distribuiscono intorno a due corti allungate constano di vari ambienti sovrapposti e coperti da volte, dove ogni famiglia poteva riporre le proprie scorte alimentari; un servizio comune di custodia assicurava la sorveglianza e la difesa dei grani da incursioni; Douret, altro spettacolare villaggio berbero, arroccato su un’arida collina, con stretti vicoli tra le dimore di roccia, dai quali si gode di suggestivi scorci sulla vallata sottostante; ed infine Chenini, splendido villaggio collinare con uno ksar, ovvero granaio fortificato ancora utilizzato, una bella moschea imbiancata a calce e le tombe dei “dormienti”, strani tumoli funerari di 5 metri oggetto di varie leggende. I suoi abitanti sono berberi e occupano dimore scavate nelle pareti scoscese di una cresta rocciosa che sovrasta l’antico ksar. Arrivo in serata nell’oasi di Ksar Ghilane è l’oasi tunisina con l’aspetto più marcatamente sahariano: fiorenti giardini, alimentati da una sorgente termale, spuntano in mezzo alle dune del Grande Erg. Sistemazione nel campo tendato e cena. Dopo cena possibilità di godere di questa atmosfera unica, dove si sente solo il rumore del vento che muove i granelli di sabbia sotto un cielo dove le stelle brillano in modo incredibile. Pernottamento.
31 Dicembre, martedì: KSAR GUILANE- DOUS - TOZEUR
Prima colazione in campo tendato e pranzo in corso di viaggio. Partenza in fuoristrada per Dous la porta del deserto del Sahara: cordoni di dune dorate, distese di sabbia a perdita d’occhio, una grande oasi e una città nata all’ombra di un immenso palmeto creato dai francesi all’inizio del Novecento. Il percorso in fuoristrada è un’esperienza unica: durante il percorso sarà possibile immergersi in un susseguirsi di dune sabbiose, interrotte di tanto in tanto da qualche rilievo roccioso e insediamento di popolazioni nomadi. Arrivati all’oasi di Dous si lascerà il fuoristrada per attraversare in pullman il Chott el Jerid, un’immensa estensione pianeggiante di laghi salati, che durante i periodi caldi, per effetto dell’evaporazione si trasformano in distese di cristalli di sale e raggiungere in serata Tozeur, la “città delle gocce di luce”,
circondata da una splendida e rigogliosa oasi che conta un numero incredibile di palme da datteri. Sistemazione in albergo per cena e pernottamento.
1 Gennaio, mercoledì: TOZEUR E OASI DI MONTAGNA
Pensione completa. Mattinata dedicata all’escursione in fuoristrada alle celebri Chebika, Tamerza e Mides, tre piccole oasi ognuna diversa dall’altra, situate nel mezzo di una zona montagnosa e desertica. Indimenticabili sono i fantastici paesaggi composti da rocce rosse, giardini lussureggianti, cascate e canyons.  Mides sorge a ridosso del confine algerino ed è la più elevata delle oasi di montagna. In una splendida scenografia, il vecchio villaggio, abbandonato alla fine dell’Ottocento dopo un terremoto, sembra sospeso sopra pareti verticali di profondi burroni che lo circondano su tre lati. Tamerza sorge sul sito di un antico insediamento romano divenuto sede episcopale in epoca bizantina. Il nucleo antico conserva qualche tomba e interessanti esempi di case costruite con terra argillosa, sassi e paglia. Chebika è una delle oasi più affascinanti della regione con un villaggio abbandonato costruito in pietra e terra, aggrappato sul fianco della montagna. Splendide sono anche le gole, a poca distanza dal centro, dove sgorgano le sorgenti che alimentano l’oasi. Nel pomeriggio passeggiata in calesse nell’oasi e visita del centro storico di  Touzer, dove il vecchio e il nuovo si accostano armoniosamente con le case che mostrano belle facciate decorate a motivi geometrici, ottenuti con mattoni sporgenti e rientranti di color ocra, simili alle decorazioni berbere dei tappeti e dei tessuti locali. Il cuore della città antica è il Quartiere di Ouled El-Hadef, rimasto intatto dal XVI secolo, vero e proprio labirinto di stradine, archi, passaggi coperte e suggestive piazzette. Rientro in albergo per cena e attesa del nuovo anno.
2 Gennaio, giovedì: TOZEUR - SBEITLA - KAIROUAN
Prima colazione in albergo e pranzo in corso di viaggio. Partenza Sbeitla, l’antica Sefutela romana. Visita alla spettacolare zona archeologica: il Foro, con il suo arco monumentale, la piazza lastricata, lo straordinario Campidoglio di pietra dorata, formato da tre templi affiancati e dedicati rispettivamente a Giove, Giunone e Minerva, una forma quasi unica nel mondo romano. Tra le rovine si trovano anche alcuni luoghi di culto cristiani, che costituiscono un aspetto particolarmente affascinante di questo sito.  Al temine della visita proseguimeto per Kairouan, la quarta città santa dell’Islam, dopo La Mecca, Medina e Gerusalemme. Circondata da una cinta muraria color sabbia, racchiude rari monumenti testimonianza di un glorioso passato: la Grande Moschea, costruita con tantissime colonne e capitelli corinzi dell’antica Cartagine, affiancata dal più antico minareto del nord Africa, la Moschea del Barbiere e il seicentesco pozzo sacro Bir Barbutta. All’esterno delle mura si possono ammirare i bacini idrici degli Aghlabiti, fatti costruire per assicurare alla città le riserve d’acqua nei periodi di siccità.  Sistemazione in albergo: cena e pernottamento.
3 Gennaio, venerdì: KAIROUAN - DOUGGA - HUBURBO MAIUS - TUNISI
Dopo la prima colazione in albergo partenza per Dougga: le sue imponenti rovine testimonianza una città numida romanizzata, sviluppata in modo davvero unico dal punto di vista urbanistico. I suoi quartieri sono disposti a terrazze di cui le centrali erano destinate alle abitazioni private più importanti e agli edifici pubblici. Il centro monumentale, il foro e mercato, insieme con i bagni pubblici, il teatro e il circo, integralmente conservati, riflettono perfettamente il modo in cui la popolazione indigena si sia urbanisticamente adattata ed evoluta durante il periodo romano. Il monumento più imponente del complesso è il Capitolium, eretto dall’imperatore Marco Aurelio e dedicato alla triade capitolina: Giove, Giunone e Minerva. Questo sito è annoverato nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1997.
Al termine della visita pranzo in ristorante e pomeriggio dedicato alla scoperta di Tuburbo Maius, antica città romana, riportata alla luce nel 1912, ricca di rovine davvero singolari. Visita della zona archeologica con il Foro, ampia piazza quadrata un tempo interamente lastricata e fiancheggiata su tre lati da un portico corinzio, di cui restano alcune colonne, il Capitolium, che conserva il podio e le colonne corinzie del pronao esastilo, la Palestra dei Petronii e le Terme d’Estate. Concluse le visite sistemazione in albergo a Tunisi per cena e pernottamento.
4 Gennaio, sabato: TUNISI - ROMA - BOLOGNA
Prima colazione in albergo e pranzo in ristorante. Gionata dedicata alla scoperta di Tunisi, città sorprendentemente varia, dove presente e passato, moderno e antico si amalgamano in un tutt’uno, conferendole un aspetto particolare. Il centro storico, rappresentato dalla Medina, è un vero e proprio scrigno di ricchezze storiche, religiose e culturali ed è caratterizzato da un’architettura prettamente coloniale: questo è il luogo più autentico dove ci si può immergere nei colori, tradizioni e profumi tipicamente tunisini. Passeggiare nella Medina è un’emozione indescrivibile: si ha l’impressione di essere in un’altra città e di perdersi nel tempo e nello spazio: un labirinto di vicoli stretti in mezzo ai quali si trovano vari souk, minareti, porte colorate, antiche inferiate, passaggi coperti, musei e luoghi di c?ultura, sale da tè, scuole coraniche, bagni turchi e minuscoli panifici. Proseguimento della visita con la parte moderna della città dove si trova anche il Museo del Bardo, situato all’interno del palazzo del bey del Bardo, interamente rinnovato e ampliato nel 2012, racchiude al suo interno dei reperti archeologici straordinari e in particolare l’enorme collezione di antichi mosaici romani, che ne fanno uno dei musei più belli del mondo. In tempo utile trasferimento all’aeroporto per le operazioni di imbarco. Ore 18.35 partenza con volo Alitalia per Bologna, via Roma. Arrivo a destinazione alle ore 22.20.
VEDI DETTAGLIO COMPLETO
RICHIEDI INFORMAZIONI