Tra Lazio e Toscana

i

Bomarzo, Civita di Bagnoregio, Abbazia di San Galgano, e il pavimento del duomo di Siena

PARTENZE
dal 14.10.2017
al 15.10.2017
a partire da 260,00 €
DETTAGLIO QUOTA +

QUOTA DI PARTECIPAZIONE   minimo 25 partecipanti   € 290.00  /  minimo 35 partecipanti       € 260.00

SUPPLEMENTO SINGOLA    € 40.00                                  

LA QUOTA COMPRENDE: *Viaggio in pullman G.T., incluso pedaggi autostradali e permessi; *sistemazione in albergo 3 stelle, in camere doppie con servizi privati; Trattamento di pensione completa dal pranzo del pranzo del primo a quello dell’ultimo; *Bevande ai pasti; *Visite guidate come da programma; *Ingresso al duomo di Siena per la vista del pavimento; *Navetta in avvicinamento a Civita di Bagnoregio; *Spese di gestione pratica, incluso assicurazione sanitaria e contro annullamento, obbligatorie e non rimborsabili (€10.00)

PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato, 14 ottobre
+

Ore 06.00 partenza da Conselice, Piazza Foresti - Ore 07.00 partenza da Bologna Autostazione/pensilina 25

Via autostrada del Sole si procede verso sud fino a raggiungere la piccola località di Bomarzo che ospita il famoso “Sacro Bosco”, conosciuto impropriamente anche con il nome di “Parco dei Mostri”. Il Sacro Bosco costituisce una delle opere più poetiche del Manierismo italiano in cui sono raffigurati personaggi epici e mitologici, la terrificante Bocca dell’Ade, la Casina Pendente e tanto altro ancora. Questo bizzarro complesso fu realizzato su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, in seguito alla scomparsa della moglie. Piacevole e suggestiva passeggiata tra le sculture che animano il parco, indi proseguimento per la zona di Civita di Bagnoregio. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio sosta nel meraviglioso borgo di Civita di Bagnoregio. E’ detta ‘la città che muore’ perché sorge su un terreno molto precario, su una platea tufacea e rischia il crollo perché i vasti banchi d'argilla che la sorreggono sono soggetti a continua erosione. E’ un piccolissimo centro dove il tempo sembra essersi fermato e dove si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un lungo ponte. Nel tardo pomeriggio si raggiungerà Bolsena, borgo medievale che sorge sulle rive dell’omonimo lago. Possibilità di partecipare alla Messa prefestiva, sistemazione in albergo per cena e pernottamento.

Domenica, 15 ottobre
+

Ore 06.00 partenza da Conselice, Piazza Foresti - Ore 07.00 partenza da Bologna Autostazione/pensilina 25

Via autostrada del Sole si procede verso sud fino a raggiungere la piccola località di Bomarzo che ospita il famoso “Sacro Bosco”, conosciuto impropriamente anche con il nome di “Parco dei Mostri”. Il Sacro Bosco costituisce una delle opere più poetiche del Manierismo italiano in cui sono raffigurati personaggi epici e mitologici, la terrificante Bocca dell’Ade, la Casina Pendente e tanto altro ancora. Questo bizzarro complesso fu realizzato su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, in seguito alla scomparsa della moglie. Piacevole e suggestiva passeggiata tra le sculture che animano il parco, indi proseguimento per la zona di Civita di Bagnoregio. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio sosta nel meraviglioso borgo di Civita di Bagnoregio. E’ detta ‘la città che muore’ perché sorge su un terreno molto precario, su una platea tufacea e rischia il crollo perché i vasti banchi d'argilla che la sorreggono sono soggetti a continua erosione. E’ un piccolissimo centro dove il tempo sembra essersi fermato e dove si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un lungo ponte. Nel tardo pomeriggio si raggiungerà Bolsena, borgo medievale che sorge sulle rive dell’omonimo lago. Possibilità di partecipare alla Messa prefestiva, sistemazione in albergo per cena e pernottamento.

APRI
CHIUDI
Condividi questa idea di viaggio con chi vuoi
CONDIVIDI CON
PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato, 14 ottobre
+

Ore 06.00 partenza da Conselice, Piazza Foresti - Ore 07.00 partenza da Bologna Autostazione/pensilina 25

Via autostrada del Sole si procede verso sud fino a raggiungere la piccola località di Bomarzo che ospita il famoso “Sacro Bosco”, conosciuto impropriamente anche con il nome di “Parco dei Mostri”. Il Sacro Bosco costituisce una delle opere più poetiche del Manierismo italiano in cui sono raffigurati personaggi epici e mitologici, la terrificante Bocca dell’Ade, la Casina Pendente e tanto altro ancora. Questo bizzarro complesso fu realizzato su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, in seguito alla scomparsa della moglie. Piacevole e suggestiva passeggiata tra le sculture che animano il parco, indi proseguimento per la zona di Civita di Bagnoregio. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio sosta nel meraviglioso borgo di Civita di Bagnoregio. E’ detta ‘la città che muore’ perché sorge su un terreno molto precario, su una platea tufacea e rischia il crollo perché i vasti banchi d'argilla che la sorreggono sono soggetti a continua erosione. E’ un piccolissimo centro dove il tempo sembra essersi fermato e dove si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un lungo ponte. Nel tardo pomeriggio si raggiungerà Bolsena, borgo medievale che sorge sulle rive dell’omonimo lago. Possibilità di partecipare alla Messa prefestiva, sistemazione in albergo per cena e pernottamento.

Domenica, 15 ottobre
+

Ore 06.00 partenza da Conselice, Piazza Foresti - Ore 07.00 partenza da Bologna Autostazione/pensilina 25

Via autostrada del Sole si procede verso sud fino a raggiungere la piccola località di Bomarzo che ospita il famoso “Sacro Bosco”, conosciuto impropriamente anche con il nome di “Parco dei Mostri”. Il Sacro Bosco costituisce una delle opere più poetiche del Manierismo italiano in cui sono raffigurati personaggi epici e mitologici, la terrificante Bocca dell’Ade, la Casina Pendente e tanto altro ancora. Questo bizzarro complesso fu realizzato su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, in seguito alla scomparsa della moglie. Piacevole e suggestiva passeggiata tra le sculture che animano il parco, indi proseguimento per la zona di Civita di Bagnoregio. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio sosta nel meraviglioso borgo di Civita di Bagnoregio. E’ detta ‘la città che muore’ perché sorge su un terreno molto precario, su una platea tufacea e rischia il crollo perché i vasti banchi d'argilla che la sorreggono sono soggetti a continua erosione. E’ un piccolissimo centro dove il tempo sembra essersi fermato e dove si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un lungo ponte. Nel tardo pomeriggio si raggiungerà Bolsena, borgo medievale che sorge sulle rive dell’omonimo lago. Possibilità di partecipare alla Messa prefestiva, sistemazione in albergo per cena e pernottamento.

VEDI DETTAGLIO COMPLETO
CHIUDI DETTAGLIO GIORNI
STAMPA
SCARICA PDF
RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il modulo. Verrai ricontattato da un nostro operatore.

Nome

Cognome

Località

Recapito telefonico

Indirizzo email

 Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali

captcha
Inserire il codice
ALTRE PROPOSTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI