Conosciamo Bologna: La Basilica di Santa Maria dei Servi con il Dott. Luca Balboni

i
PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato 17 marzo 2018
+

 

Ore 15.30 – ritrovo dei partecipanti

All’angolo Via Guerrazzi/Strada Maggiore

 Itinerario: Basilica di S. Maria dei Servi

Durata del percorso guidato: 2 ore circa

 

Visita alla Basilica di S. Maria dei Servi, insigne e affascinante edificio gotico progettato sul finire del XIV secolo da Antonio di Vincenzo, già collaboratore al progetto della Basilica di San Petronio. La chiesa presenta un grazioso quadriportico a colonne marmoree che prosegue lungo Strada Maggiore, iniziato nel 1393 e completato sul sagrato tra il XVI e il XIX secolo; all’interno numerose opere d’arte eseguite da autori di rilievo: Francesco Albani, Guercino, Lippo Dalmasio, Vitale da Bologna e, prima fra tutte, la tavola della Maestà di Santa Maria dei Servi di Cimabue, nella cappella absidale, cronologicamente e iconograficamente collocata tra la Maestà del Louvre (1280 ca.) e la Maestà di Santa Trinità (1290-1300) ora agli Uffizi. L'opera, restaurata più volte nel corso del '900 per degrado, lacune e anche bruciature del colore, causate dall'accostamento improprio di ceri e candele devozionali,  ha avuto un ultimo recente restauro (2015-2016) a cura del laboratorio di Camillo Tarozzi sotto la direzione della Soprintendenza alle Belle Arti di Bologna. Oggi può considerarsi rigenerata e riportata al colore autentico.

Condividi questa idea di viaggio con chi vuoi
CONDIVIDI CON
PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato 17 marzo 2018
+

 

Ore 15.30 – ritrovo dei partecipanti

All’angolo Via Guerrazzi/Strada Maggiore

 Itinerario: Basilica di S. Maria dei Servi

Durata del percorso guidato: 2 ore circa

 

Visita alla Basilica di S. Maria dei Servi, insigne e affascinante edificio gotico progettato sul finire del XIV secolo da Antonio di Vincenzo, già collaboratore al progetto della Basilica di San Petronio. La chiesa presenta un grazioso quadriportico a colonne marmoree che prosegue lungo Strada Maggiore, iniziato nel 1393 e completato sul sagrato tra il XVI e il XIX secolo; all’interno numerose opere d’arte eseguite da autori di rilievo: Francesco Albani, Guercino, Lippo Dalmasio, Vitale da Bologna e, prima fra tutte, la tavola della Maestà di Santa Maria dei Servi di Cimabue, nella cappella absidale, cronologicamente e iconograficamente collocata tra la Maestà del Louvre (1280 ca.) e la Maestà di Santa Trinità (1290-1300) ora agli Uffizi. L'opera, restaurata più volte nel corso del '900 per degrado, lacune e anche bruciature del colore, causate dall'accostamento improprio di ceri e candele devozionali,  ha avuto un ultimo recente restauro (2015-2016) a cura del laboratorio di Camillo Tarozzi sotto la direzione della Soprintendenza alle Belle Arti di Bologna. Oggi può considerarsi rigenerata e riportata al colore autentico.

STAMPA
SCARICA PDF
RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il modulo. Verrai ricontattato da un nostro operatore.

Nome

Cognome

Località

Recapito telefonico

Indirizzo email

 Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali

captcha
Inserire il codice