Bologna di Dante: Purgatorio e Paradiso... in città!

i

Trekking urbano poetico - in collaborazione con il Centro di Poesia Contemporanea UNIBO

PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato 28 ottobre 2017
+

Ore 15.15ritrovo dei partecipanti in Piazza del Nettuno, ai piedi della Fontana

 

Itinerario: P.zza Nettuno – Via Clavature – zona Via d’Azeglio/Portanova – Basilica di S. Domenico – Cattedrale di S. Pietro

Durata dell’itinerario: 2 ore/2,5 ore circa (distanza 2,5 km circa)

 

Ritrovo dei sigg. partecipanti in Piazza del Nettuno e inizio del percorso tra Purgatorio e Paradiso, cantiche nelle quali vi sono alcune significative presenze di bolognesi, nativi o di adozione. Prima lettura dal Canto XI, dove viene citato un miniatore, tale Franco Bolognese. Proseguimento verso Via Clavature, dove risiedette Fabbro de’ Lambertazzi, giusto comandante dei ghibellini. Di qui, si ricostruiranno le tracce tra Via d’Azeglio e la zona di Portanova, del celebre poeta Guido Guinizzelli, unico altro nativo di Bologna citato in Purgatorio. Si giungerà quindi alla basilica di S. Francesco, esaltato nel Paradiso, e si farà memoria delle due visite che dedicò alla città di Bologna, nel 1221 e nel 1222. Spostamento quindi verso la basilica di S. Domenico per omaggiare un bolognese d’adozione, il santo fondatore dell’ordine dei predicatori, e il teologo S. Tommaso d’Aquino, domenicano anch’egli. A conclusione, si entrerà nella Cattedrale di S. Pietro per ricordare la figura della Vergine e di sua madre S. Anna, il cui teschio, secondo un’antica tradizione, è conservato all’interno della basilica. Al termine, possibilità di aperitivo (non compreso in quota).

Interverranno i ragazzi del Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna con letture di poesie degli autori trattati.

Condividi questa idea di viaggio con chi vuoi
CONDIVIDI CON
PROGRAMMA VIAGGIO
Sabato 28 ottobre 2017
+

Ore 15.15ritrovo dei partecipanti in Piazza del Nettuno, ai piedi della Fontana

 

Itinerario: P.zza Nettuno – Via Clavature – zona Via d’Azeglio/Portanova – Basilica di S. Domenico – Cattedrale di S. Pietro

Durata dell’itinerario: 2 ore/2,5 ore circa (distanza 2,5 km circa)

 

Ritrovo dei sigg. partecipanti in Piazza del Nettuno e inizio del percorso tra Purgatorio e Paradiso, cantiche nelle quali vi sono alcune significative presenze di bolognesi, nativi o di adozione. Prima lettura dal Canto XI, dove viene citato un miniatore, tale Franco Bolognese. Proseguimento verso Via Clavature, dove risiedette Fabbro de’ Lambertazzi, giusto comandante dei ghibellini. Di qui, si ricostruiranno le tracce tra Via d’Azeglio e la zona di Portanova, del celebre poeta Guido Guinizzelli, unico altro nativo di Bologna citato in Purgatorio. Si giungerà quindi alla basilica di S. Francesco, esaltato nel Paradiso, e si farà memoria delle due visite che dedicò alla città di Bologna, nel 1221 e nel 1222. Spostamento quindi verso la basilica di S. Domenico per omaggiare un bolognese d’adozione, il santo fondatore dell’ordine dei predicatori, e il teologo S. Tommaso d’Aquino, domenicano anch’egli. A conclusione, si entrerà nella Cattedrale di S. Pietro per ricordare la figura della Vergine e di sua madre S. Anna, il cui teschio, secondo un’antica tradizione, è conservato all’interno della basilica. Al termine, possibilità di aperitivo (non compreso in quota).

Interverranno i ragazzi del Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna con letture di poesie degli autori trattati.

STAMPA
SCARICA PDF
RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il modulo. Verrai ricontattato da un nostro operatore.

Nome

Cognome

Località

Recapito telefonico

Indirizzo email

 Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali

captcha
Inserire il codice